LegalSL.com

Il diniego del visto d'ingresso

Ricorso al T.A.R. del Lazio contro il diniego del visto d'ingresso

Il diniego del visto d'ingresso

 

 

 

 

 

 

 

 

Ai sensi dell'art. 32 del Regolamento CE 810/2009 (Codice dei Visti Schengen), il visto è rifiutato quando il richiedente:

- presenta un documento di viaggio falso, contraffatto o alterato;

- non fornisce la giustificazione riguardo allo scopo e alle condizioni del soggiorno previsto;

- non dimostra di disporre di mezzi di sussistenza sufficienti, sia per la durata prevista del soggiorno sia per il ritorno nel paese di origine o di residenza oppure per il transito verso un paese terzo nel quale la sua ammissione è garantita, ovvero non è in grado di ottenere legalmente detti mezzi;

- ha già soggiornato per tre mesi, nell’arco del periodo di sei mesi in corso, sul territorio degli Stati membri in virtù di un visto uniforme o di un visto con validità territoriale limitata;

- è segnalato nel SIS al fine della non ammissione;

- sia considerato una minaccia per l’ordine pubblico, la sicurezza interna o la salute pubblica, quale definita all’articolo 2, paragrafo 19, del codice frontiere Schengen, o per le relazioni internazionali di uno degli Stati membri e, in particolare, sia segnalato nelle banche dati nazionali degli Stati membri ai fini della non ammissione per gli stessi motivi;

- non dimostra di possedere un'adeguata e valida assicurazione sanitaria di viaggio, ove applicabile;

- qualora vi siano ragionevoli dubbi sull’autenticità dei documenti giustificativi presentati dal richiedente o sulla veridicità del loro contenuto, sull’affidabilità delle dichiarazioni fatte dal richiedente o sulla sua intenzione di lasciare il territorio degli Stati membri prima della scadenza del visto richiesto.

Contro il diniego del visto d'ingresso è possibile fare ricorso al TAR del Lazio entro 60 giorni dalla notifica del diniego. L'assistenza di un avvocato è obbligatoria per legge.

Se hai bisogno di assistenza per ricorrere contro il diniego del visto di ingresso emesso nei confronti di un tuo familiare o amico, non esitare a contattarci (clicca qui)

Sull'argomento vedi anche:

Come impugnare il diniego del visto di ingresso in Italia

Ricorso al TAR del Lazio contro il rifiuto del visto d'ingresso da parte delle Ambasciate e dei Consolati italiani

L'elenco dei Paesi i cui cittadini sono soggetti all'obbligo del visto per entrare in Italia

Il diritto di accesso al Sistema d'Informazione Schengen

Il TAR del Lazio annulla il diniego del visto d'ingresso per difetto di istruttoria

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per motivi d'affari

Annullato il diniego del visto d'ingresso per motivi di studio

La Kafala e il ricongiungimento familiare

Illegittimo il diniego del visto per residenza elettiva emesso dal Consolato Generale d'Italia a New York

Pubblicato il 23 Marzo 2015

Condividi