LegalSL.com

Il diniego del visto d'ingresso nullo se non motivato.

Accolto il ricorso contro il Ministero degli Affari Esteri e l'Ambasciata d'Italia a Islamabad.

Il diniego del visto d'ingresso  nullo se non motivato.

 

 

 

 

 

 

 

 

Con sentenza n. 10979 del 9 luglio 2015, il TAR del Lazio (Sezione Terza Ter) ha accolto il ricorso presentato da un cittadino pakistano contro il Ministero degli Affari Esteri e l'Ambasciata d'Italia a Islamabad. Oggetto del ricorso, il provvedimento di diniego del visto d'ingresso emesso nei confronti del ricorrente da parte dell'Ambasciata d'Italia a Islamabad (il cittadino straniero aveva presentato domanda per la concessione di un visto d'ingresso per motivi di turismo, la quale, però, veniva rigettata dall'ambasciata italiana in Pakistan.

Il ricorrente, rappresentato in giudizio dall'Avvocato Santaniello Luca, impugnava la decisione dell'ambasciata, denunciando, tra gli altri motivi, il difetto assoluto di motivazione e il difetto di istruttoria. Infatti, il provvedimento di diniego notificato al ricorrente era privo di qualsiasi motivazione. Inoltre, nel corso del giudizio, l'ambasciata non era stata in grado di fornire una relazione cicostanziata sulle ragioni del diniego.

Il TAR del Lazio ha accolto quindi il ricorso, affermando che la carenza di motivazione "impedisce all'interessato di comprendere l'iter logico-giuridico seguito dall'amministrazione ai fini dell'adozione del provvedimento impugnato e risulta, pertanto, violativa del disposto dell'art. 3 L. n. 241/90. Inoltre, il TAR del Lazio ha stabilito che prima dell'adozione del gravato provvedimento di diniego, l'Ambasciata d'Italia a Islamabad avrebbe dovuto comunicare all'interessato i motivi ostativi all'accoglimento della sua istanza secondo quanto previsto dall'art. 10 bis L. n. 241/90 per i procedimenti ad istanza di parte.

Il Ministero degli Affari Esteri è stato condannato a pagare le spese processuali del ricorrente.

Per maggiori informazioni, contattaci

Sull'argomento vedi anche:

Come impugnare il diniego del visto di ingresso in Italia

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per i familiari dei cittadini italiani

La Kafala e il ricongiungimento familiare

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per motivi d'affari

Ricorso al TAR del Lazio contro il rifiuto del visto d'ingresso emesso dalle Ambasciate e dai Consolati italiani

Ricorso al TAR del Lazio: l'assistenza di un avvocato è obbligatoria

Illegittimo il diniego del visto per residenza elettiva emesso dal Consolato Generale d'Italia a New York

Accolto ricorso contro il Consolato Generale d'Italia a New York e il Ministero degli Affari Esteri

Il diritto di accesso al Sistema d'Informazione Schengen

Pubblicato il 14 Gennaio 2016

Condividi