LegalSL.com

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per cure mediche.

Diritto degli stranieri a ricevere cure mediche in Italia.

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per cure mediche.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il visto d'ingresso per cure mediche è disciplinato dall'art. 36 del Testo Unico sull'Immigrazione e dal Decreto Interministeriale n. 850/2011. 

Lo straniero che intende ricevere cure mediche in Italia e l'eventuale accompagnatore possono ottenere uno specifico visto di ingresso ed il relativo permesso di soggiorno. A tale fine gli interessati devono presentare una dichiarazione della struttura sanitaria italiana prescelta che indichi il tipo di cura, la data di inizio della stessa e la durata presunta del trattamento terapeutico, devono attestare l'avvenuto deposito di una somma a titolo cauzionale, tenendo conto del costo presumibile delle prestazioni sanitarie richieste, secondo modalità stabilite dal regolamento di attuazione, nonchè documentare la disponibilità in Italia di vitto e alloggio per l'accompagnatore e per il periodo di convalescenza dell'interessato.

Il visto per cure mediche potrà essere rilasciato anche all'eventuale accompagnatore che assista lo straniero infermo, in presenza di adeguati mezzi economici di sostentamento non inferiori all'importo stabilito dal Ministero dell'Interno con la direttiva di cui all'art. 4, comma 3, del testo unico n. 286/1998 e successive modifiche ed integrazioni.

La domanda di rilascio del visto o di rilascio o rinnovo del permesso può anche essere presentata da un familiare o da chiunque altro vi abbia interesse.

Contro il diniego del visto d'ingresso per cure mediche, è possibile fare ricorso al TAR del Lazio entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento. L'assistenza di un avvocato è obbligatoria per legge.

Se hai bisogno di un avvocato esperto in diritto dell'immigrazione, contattaci (clicca qui)

Sull'argomento vedi anche:

Il visto per residenza elettiva

Come impugnare il diniego del visto di ingresso in Italia

Il diniego del visto d'ingresso è nullo se non motivato

Ricorso contro il diniego del visto d'ingresso per i familiari dei cittadini italiani

Ricorso al TAR del Lazio: l'assistenza di un avvocato è obbligatoria

Accolto ricorso contro il Consolato Generale d'Italia a New York e il Ministero degli Affari Esteri

Il diritto di accesso al Sistema d'Informazione Schengen

Pubblicato il 06 Febbraio 2017

Condividi