LegalSL.com

Le quote di legittima nelle successioni in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Consulenza sul diritto delle successioni nel Regno Unito.

Le quote di legittima nelle successioni in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

 

 

 

 

 

 

 

 

Per quanto riguarda la quota di legittima nel Regno Unito (vale a dire la quota di eredità di cui il testatore non può privare gli eredi legittimi), questa in Inghilterra, in Galles e Irlanda del Nord non esiste, a differenza di quanto accade nella maggior parte dei Paesi europei.
 
Tuttavia, se il testatore muore domiciliato in Inghilterra, Galles o Irlanda del Nord, la moglie o il marito del de cuius, oppure uno dei figli del defunto, o qualsiasi altra persona che immediatamente prima della morte del de cuius era da questo mantenuta, totalmente o soltanto in parte, può rivolgersi al Tribunale territorialmente competente, sostenendo che le disposizioni testamentarie o le leggi applicate alla successione, non garantiscono un sostentamento economico sufficiente, e quindi chiedere il pagamento di un vitalizio, di un'indennità, oppure il trasferimento di una proprietà.

In Scozia, invece, il coniuge (o il partner civile) e i figli superstiti hanno titolo ai seguenti diritti in relazione ai beni mobili (non a quelli immobili) del defunto:

- al coniuge superstite spetta un terzo dei beni mobili del defunto se questo ha lasciato figli (o metà se il defunto non ha lasciato figli);

- ai figli viene assegnato un altro terzo dei beni mobili del defunto se questo ha lasciato il coniuge o il partner civile (o metà se il defunto non ha lasciato il coniuge o il partner civile). I figli divideranno poi in parti uguali.

Per maggiori informazioni sul testamento nel Regno Unito, contatta Avvocati Internazionali

Sull'argomento vedi anche:

Il Testamento in Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord

La divisione dell'eredità in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord

Le successioni nel diritto internazionale privato

La successione mortis causa nell'Unione Europea

Il certificato successorio europeo

Il Testamento Internazionale

Pubblicato il 27 Febbraio 2014

Condividi