LegalSL.com

Il Certificato Successorio Europeo

Diritto delle successioni nell'Unione Europea

Il Certificato Successorio Europeo

 

 

 

 

 

 

 

 

Introdotto con il Regolamento (UE) n. 650/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio, relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni e all'accettazione e all'esecuzione degli atti pubblici in materia di successioni, il certificato successorio europeo è rilasciato per essere utilizzato in un altro Stato membro e produce i suoi effetti in tutti gli Stati membri senza che sia necessario il ricorso ad alcun procedimento.

Il certificato successorio europeo può essere utilizzato dagli eredi, dai legatari che vantano diritti sulla successione e dagli esecutori testamentari o amministratori dell'eredità che, in un altro Stato membro, hanno necessità di far valere la loro qualità o di esercitare, rispettivamente, i loro diritti di eredi o legatari e/o i loro poteri come esecutori testamentari o amministratori dell'eredità.

Il certificato può essere utilizzato, in particolare, per dimostrare uno dei seguenti elementi:

- la qualità e/o i diritti di ciascun erede ovvero di ciascun legatario menzionato nel certificato e le rispettive quote ereditarie;

- l'attribuzione di uno o più beni determinati che fanno parte dell'eredità, agli eredi ovvero ai legatari menzionati nel certificato;

- i poteri della persona indicata nel certificato, di dare esecuzione al testamento o di amministrare l'eredità.

Si presume, dunque, che il certificato dimostri con esattezza gli elementi accertati in base alla legge applicabile alla successione o ad elementi specifici. Così si presume che la persona indicata nel certificato come erede, legatario, esecutore testamentario o amministratore dell'eredità, possiede la qualità indicata nel certificato e/o sia titolare dei diritti o dei poteri enunciati nel certificato.

L'uso del certificato non è obbligatorio. Il certificato non sostituisce i documenti interni utilizzati per scopi analoghi negli Stati membri. Tuttavia, una volta rilasciato per essere utilizzato in un altro Stato membro, il certificato produce gli stessi effetti anche nello Stato membro in cui è stato rilasciato.

Per sapere di più sulle successioni internazionali, vedi anche:

La giurisdizione italiana nelle successioni internazionali

Le successioni nel diritto internazionale privato

Successioni all'estero: i doveri delle Ambasciate e dei Consolati italiani

La successione mortis causa nell'Unione Europea

Il Testamento Internazionale

Il Testamento in Germania

Il Testamento in Francia

Il Testamento in Spagna

Il diritto delle successioni in Belgio

Il Testamento a Panama

Il Testamento in Turchia

Per maggiori informazioni, contatta Avvocati Internazionali

Pubblicato il 08 Gennaio 2014

Condividi