LegalSL.com

Fare affari in Corea del Sud.

La protezione degli investimenti italiani in Corea del Sud.

Fare affari in Corea del Sud.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra l'Italia e la Repubblica di Corea esiste un accordo bilaterale relativo alla reciproca promozione e protezione degli investimenti. Tale accordo fu firmato a Seoul il 10 gennaio del 1989 ed è entrato in vigore in Italia con legge n. 19 del 7 gennaio 1992.

Ai sensi di tale accordo, l'Italie e la Corea del Sud, oltre a promuovere gli investimenti nel loro territorio da parte di investitori dell'altro Stato, si impegnano a riconoscere agli investitori dell'altro Stato un trattamento equo e ragionevole.

Il termine "investimento" comprende ogni tipo di impiego patrimoniale consentito in conformità con le rispettive leggi e regolamenti di ciascuna Parte Contraente e più in particolare, sebbene non esclusivamente:  

a) la proprietà di beni mobili ed immobili nonchè ogni altro diritto in rem, quale l'ipoteca, il privilegio e il pegno, l'usufrutto e diritti simili;

b) azioni, titoli ed obbligazioni di società o interessi nella proprietà di tali società;  

c) diritti sul denaro utilizzato per costituire un valore economico o su ogni prestazione avente valore economico;  

d) diritti d'autore, diritti di proprietà industriale, processi tecnici, know-how, marchi di fabbrica e denominazioni commerciali;  

e) concessioni commerciali conferite per legge o per contratto, ivi comprese le concessioni di ricerca, estrazione o sfruttamento di risorse naturali.

Il termine "investitore", invece, indica ogni persona fisica o giuridica, ovvero ogni altro ente, ivi comprese le associazioni di affari, considerati residenti dalla legislazione e dai regolamenti in vigore, che effettuino investimenti nel territorio dell'altra Parte Contraente.

Gli investimenti o i proventi degli investitori di ciascuna Parte Contraente non saranno nazionalizzati, espropriati o soggetti a misure aventi effetti equivalenti alla nazionalizzazione o all'esproprio nel territorio dell'altra Parte Contraente se non per pubblico interesse, e contro un pronto, adeguato ed effettivo indennizzo, a condizione che tali misure non siano discriminatorie e siano adottate in conformità con la legge. 

Per maggiori informazioni sugli investimenti in Corea del Sud, contatta Avvocati Internazionali

Sull'argomento vedi anche:

Il contratto di vendita in Corea del Sud

Pubblicato il 17 Marzo 2014

Condividi