LegalSL.com

La trascrizione del matrimonio contratto all'estero

Il matrimonio contratto all'estero puņ essere direttamente trascritto nei registri dello stato civile

La trascrizione del matrimonio contratto all'estero

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo quanto stabilito dall'art. 65 della legge n. 218 del 1995, i provvedimenti stranieri riguardanti la capacità delle persone, nonchè l'esistenza di rapporti di famiglia o di diritti della personalità, hanno effetto diretto in Italia, senza che sia necessaria un'ulteriore procedura di riconoscimento.

Pertanto, il matrimonio contratto all'estero può essere direttamente trascritto nei registri dello stato civile italiano e sussite l'obbligo, in capo all'ufficiale di stato civile, il Sindaco o un suo delegato, di procedere alla trascrizione.

L'unico limite alla trascrizione del matrimonio contratto all'estero, è rappresentato dall'ordine pubblico. Infatti, a norma dell'art. 18 del Regolamento dello Stato Civile, introdotto con D.P.R. 3 novembre 2000, n.396, gli atti formati all'estero non possono essere trascritti se contrari all'ordine pubblico. In tal caso, l'ufficiale di stato civile deve rivolgere la questione all'Autorità giudiziaria. Così ad esempio, non può essere trascritto in Italia il secondo o successivo matrimonio di un cittadino straniero di religione islamica contratto in regime di bigamia.

Avv. Luca Santaniello

Sull'argomento vedi anche:

Il matrimonio gay celebrato all'estero può essere trascritto in Italia

Il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze civili straniere in Italia

La giurisdizione del giudice italiano in materia di matrimonio, separazione e divorzio

Divorzio Internazionale - Il riconoscimento delle sentenze straniere di divorzio

Il riconoscimento in Italia di una sentenza di divorzio islamico

Il Divorzio Internazionale nell'Unione Europea

 

Pubblicato il 10 Luglio 2012

Condividi