LegalSL.com

Le quote di legittima nel diritto delle successioni in Francia.

Limiti alla libertÓ del testatore nella successione testamentaria in Francia.

Le quote di legittima nel diritto delle successioni in Francia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'ordinamento giuridico francese, la libertà di una persona di disporre dei propri beni con testamento, incontra delle notevole limitazioni rappresentate dalle cd. quote di legittima (o quote riservate), vale a dire quella parte dell'eredità che spetta di diritto a determinati eredi. Secondo il diritto francese, la quota di legittima spetta ai figli e al coniuge supersiste del de cuius.

Per quanto riguarda i figli, ad essi spetta la metà del patrimonio se vi è un solo figlo, 2/3 se i figli sono due e 3/4 se vi sono 3 o più figli. Al coniuge, invece, la quota di legittima spetta soltanto se il defunto non lascia figli ed è pari a un quarto dell'eredità. Inoltre, affinchè il coniuge abbia diritto alla quota riservata, è necessario che non sia divorziato.

L'azione per chiedere il rispetto della quota di legittima può essere esercitata dagli eredi legittimari entro 5 anni dall'apertura della sucessione, oppure entro due anni dal giorno in cui si è venuti a conoscenza del mancato rispetto della quota riservata.

Ai sensi del diritto francese delle successoni, gli eredi legittimari non possono rinunciare al diritto alla quota legittima, a meno che non rinuncino all'intera successione. Tuttavia, gli eredi legittimari che abbiano compiuto la maggiore età, possono rinunciare in anticipo al diritto di esercitare l'azione per il ripristino della quota di legittima. Tale rinuncia deve essere fatta dinanzi a due notai.

Per maggiori informazioni sul testamento e le successioni in Francia, non esitare a contattare Avvocati Internazionali

Sull'argomento vedi anche:

Il testamento in Francia

Come viene distribuita l'eredità in Francia in assenza di testamento

Quale legge si applica alla successione di un cittadino italiano in Francia?

La dichiarazione di morte presunta in Francia

Pubblicato il 10 Marzo 2014

Condividi