LegalSL.com

Il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze italiane in Turchia

La procedura dell'exequatur in Turchia per le sentenze straniere in materia civile

Il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze italiane in Turchia

 

 

 

 

 

 

 

 

Il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere in Turchia, trovano la loro disciplina nella legge turca di diritto privato internazionale entrata in vigore il 20 maggio del 1982.

Secondo quanto dispone tale legge, anche le sentenze pronunciate dai tribunali italiani possono essere riconosciute ed eseguite in Turchia, ma è necessario instaurare una procedura interna.

Infatti, ai sensi della legge sopra menzionata, l'esecuzione in Turchia delle sentenze pronunciate da tribunali stranieri in materia civile (ad esempio una sentenza di divorzio o anche di condanna al pagamento di una somma di denaro) è sottoposta alla procedura dell'exequatur da parte dei tribunali turchi competenti.

L'exequatur (dal latino exequi, cioè "che sia data esecuzione") consiste in una procedura interna, attraverso la quale il tribunale turco competente per territorio, verifica se la sentenza pronunciata da un tribunale straniero sia in possesso dei requisiti necessari per essere eseguita in Turchia.

Innanzittutto, il requisito imposto dal principio di reciprocità: infatti, in Turchia, possono essere eseguite soltanto le sentenze straniere che provengono da quei Paesi che hanno un accordo bilaterale o multilaterale con la Repubblica di Turchia in materia di esecuzione delle sentenze, oppure, in mancanza, prevedano la possibilità per le sentenze dei tribunali turchi, di essere eseguite nei propri territori (tale principio però, non si applica nel caso in cui si chieda soltanto il riconoscimento della sentenza straniera).

Inoltre, la sentenza straniera deve riguardare una materia che non sia sottoposta alla esclusiva competenza dei tribunali turchi, altrimenti l'exequatur non sarà concesso.

Altresì, la sentenza straniera non deve essere contraria all'ordine pubblico e deve essere stata pronunciata nel rispetto del diritto di difesa della persona contro la quale si chiede l'esecuzione.

Per quanto riguarda, invece, il riconoscimento delle sentenze straniere in Turchia, vale a dire la considerazione come prova o res judicata di una sentenza straniera nel corso di un giudizio in Turchia, anche esso è soggetto alla procedura dell'exequatur, anche se con alcune differenze. Così, ad esempio, non è necessario che sia rispettato il prinicipio di reciprocità, previsto necessariamente per l'esecuzione.

Sull'argomento vedi anche:

Aprire una società in Turchia. Anonim e Limited Sirket

Consulenza legale per le imprese italiane in Turchia

Gli investimenti diretti esteri in Turchia

Accordo tra Italia e Turchia sulla promozione e la protezione reciproca degli investimenti

Per maggiori informazioni contatta Avvocati in Turchia

Pubblicato il 07 Maggio 2013

Condividi