LegalSL.com

La Convenzione europea sulla partecipazione degli stranieri alla vita pubblica a livello locale.

L'Italia riconosce soltanto parte della Convenzione del Consiglio d'Europa, ma non il diritto di voto.

La Convenzione europea sulla partecipazione degli stranieri alla vita pubblica a livello locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

La Convenzione sulla partecipazione degli stranieri alla vita pubblica a livello locale, fatta a Strasburgo il 5 febbraio del 1992, è entrata in vigore in Italia con legge n. 203 dell'8 marzo1994. Tuttavia, l'Italia non riconosce l'applicazione dell'intera Convenzione, limitandosi, invece, soltanto ai capitoli A e B ed escludendo il capitolo C relativo al diritto di voto.

Ai sensi della Convenzione, Ciascuno Stato contraente è tenuto a garantire ai residenti stranieri, alle stesse condizioni che ai suoi cittadin, i seguenti diritti:

- il diritto alla libertà di espressione; tale diritto comprende la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza l'interferenza delle autorità pubbliche ed a prescindere da considerazioni relative alle frontiere;

- il diritto alla libertà di riunirsi pacificamente, ed alla libertà di associazione, compreso il diritto di fondare sindacati assieme ad altri, e di affiliarsi a sindacati per la difesa dei propri interessi. In particolar modo, il diritto alla libertà di associazione implica il diritto per i residenti stranieri, di creare le loro associazioni locali a fini di assistenza reciproca, di conservazione e di espressione della loro identità culturale o di difesa dei loro interessi riguardo a questioni di competenza della collettività locale, nonchè il diritto di aderire ad ogni associazione.

L'espressione "residenti stranieri" indica le persone che non sono cittadine dello Stato in questione e che risiedono legalmente nel suo territorio. 

Gli Stati contraenti, inoltre, devono vigilare affinchè nessun ostacolo legale o di altra natura impedisca alle collettività locali che hanno nei loro rispettivi territori un numero significativo di residenti stranieri, di creare organi consultivi o di adottare altre disposizioni appropriate a livello istituzionale per provvedere ai collegamenti tra esse ed i predetti residenti, fornire un'istanza per il dibattito e la formulazione delle opinioni, degli auspici e delle preoccupazioni dei residenti stranieri sui temi della vita politica locale che li concernono da vicino, comprese le attività e le responsabilità della collettività locale interessata; promuovere, inoltre, la loro integrazione generale nella vita della collettività; incoraggiare ed agevolare la costituzione di determinati organi consultivi o l'attuazione di altre adeguate disposizioni a livello istituzionale al fine di una adeguata rappresentanza dei residenti stranieri nelle collettività locali che hanno nel proprio territorio un numero significativo di residenti stranieri.

Per maggiori informazioni sui diritti degli stranieri in Italia, contattaci

Pubblicato il 14 Aprile 2014

Condividi