LegalSL.com

Il ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

Assistenza legale per i ricorsi alla Corte Europea dei diritti dell'uomo (Strasburgo)

Il ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

 

 

 

 

 

 

 

 

La Corte Europea dei diritti dell'Uomo è stata istituita con la Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, aperta alle firme nel 1950 a Roma.

Ha sede in Francia, precisamente a Strasburgo, e la sua competenza si estende a tutte le questioni concernenti l’interpretazione e l’applicazione della Convenzione e dei suoi Protocolli.

La Corte può essere adita da parte di una persona fisica, un’organizzazione non governativa o un gruppo di privati che sostenga d’essere vittima di una violazione da parte di uno degli Stati contraenti dei diritti riconosciuti nella Convenzione o nei suoi Protocolli. Gli Stati contraenti sono obbligati a non ostacolare in alcun modo l’esercizio effettivo di tale diritto.

La Corte non può essere adita se non dopo l’esaurimento delle vie di ricorso interne e, in ogni caso, entro un periodo di sei mesi a partire dalla data della decisione interna definitiva.

La Corte non accoglie alcun ricorso inoltrato se è anonimo oppure  essenzialmente identico a uno precedentemente esaminato dalla Corte o già sottoposto a un’altra istanza internazionale d’inchiesta o di risoluzione e non contiene fatti nuovi.

La Corte dichiara irricevibile ogni ricorso individuale se ritiene che il ricorso è incompatibile con le disposizioni della Convenzione o dei suoi Protocolli, manifestamente infondato o abusivo; inoltre, la Corte dichiara irricevibile il ricorso quando il ricorrente non ha subito alcun pregiudizio importante, salvo che il rispetto dei diritti dell'uomo garantiti dalla Convenzione e dai suoi Protocolli esiga un esame del ricorso nel merito.

Per maggiori informazioni sul ricorso alla Corte Europea dei diritti dell'uomo, contatta Avvocati internazionali

Sull'argomento, vedi anche:

La Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali

Pubblicato il 18 Novembre 2013

Condividi